mercoledì 3 ottobre 2018

MARTEDI' 16 OTTOBRE: PRESENTAZIONI CORSI APNEA

Ciao Amici,

con ritrovo ore 20.00 presso la nostra aula didattica, INIZIO del CORSO APNEA SSI FREEDIVING PRIMO LIVELLO e del CORSO APNEA SSI FREEDIVING SECONDO LIVELLO.


I due programmi di addestramento saranno calendarizzati in modo da poter essere seguiti  uno dopo l'altro una volta raggiunti gli standard previsti.

Programmazione CORSI PESCA IN APNEA: al corso di apnea potrà accedere solamente chi già in possesso di brevetto apneista rilasciato da didattiche riconosciute.

Durante lo svolgimento, i contenuti già interessantissimi e formativi offerti da SSI FREEDIVING, saranno arricchiti con serate sulla COMPENSAZIONE. (con partecipazione gratuita)
In più, appiogginadosi a professionisti del settore,  serata  sulla NUTRIZIONE (partecipazione gratuita) e stage di RESPIRAZIONE PRANAYAMA con data e quota da fissare.



L'apnea darà la possibilità di vivere appieno la magia, l'emozione e le sensazioni fantastiche che l'acqua dà a chi pratica con l'atteggiamento mentale, questa meravigliosa disciplina...e se sei bombolaro, non perdere l'occasione! L'apnea ti aiuterà a migliorare tutte le tue performances in immersione: a volte è meglio fare un passo indietro per farne mille in avanti ;-)!  

Serate allenamento con possibilità di tabelle allenamento personalizzato.

Uscite mensili presso Y-40 The Deep Joy accompagnati dal nostro staff.

Se hai domande e curiosità contattaci! Si inizia MARTEDI' 16 OTTOBRE ore 20.00 presso il Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia):

Lorenzo Sub
Via del Pilota, 11
19030 - Ameglia loc. Fiumaretta (Sp)
Tel 018764011
Contatto WhatsApp 3356898949
www.lorenzosub.com
www.divessi.com

venerdì 28 settembre 2018

ORARIO APERTURA INVERNALE LORENZO SUB

Ciao Gigioni,

vi ricordiamo che il Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) a partire dal 10 settembre rimarrà CHIUSO IL LUNEDI'.




 L'orario invernale completo sarà: 

- LUNEDI': CHIUSO 
- DA MARTEDI' A SABATO: 9.00/12.30 - 15.30/19.30 
- DOMENICA: 16.00/19.00 

Per tutte le info: 
- Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) tel 018764011 
- contatto whatsapp 3356898949 
- www.lorenzosub.com

mercoledì 24 gennaio 2018

VENERDI' 2 FEBBRAIO: TECNICHE YOGA PER APNEISTI

Con inizio ore 19.00 presso il centro YOGA MANDARAVA di Carrara, incontro su TECNICHE YOGA DI RESPIRO PER APNEISTI. L'incontro, (all'interno del CORSO FREEDIVING II LIVELLO SSI) è aperto anche a tutti coloro i quali vorranno conoscere, da una esperta yogi come Elena Marano, le techniche yoga di respiro applicate all'apnea!




"Tecniche Yoga direspiro per apneisti"

Yoga significa ‘unità’,‘integrazione’ tra piani diversi dell’Essere e con il Tutto, eil Pranayama, disciplina delle tecniche di controllo del respiro chesono motivo di interesse per chi pratica apnea subacquea, siinserisce in questa visione; come alcuni famosi apneisti hannocompreso, il senso dello Yoga e del Pranayama, finalizzato all’apnea,non è soltanto nella tecnica (di per sé molto valida), manell’atteggiamento mentale che si può acquisire attraverso questetecniche nel contesto di ‘Yoga’, cioè integrazione delle parti.Una pratica continua di Asana, posizioni yoga, e Pranayama, alla lucedel concetto implicito nella parola ‘Yoga’, cioè ‘unità’,permette di migliorare le prestazioni fisiche e del respiro,migliorare la capacità di concentrazione.

Nell’incontro inizieremo il percorsonelle principali tecniche di respiro yoga che permettono nel tempodi migliorare l’efficienza respiratoria, lo stato emozionale e lacapacità di concentrazione.

Per informazioni:

yogamandarava@yogamandarava.it
Tel. 328 6868 216
www.yogamandarava.it




 oppure:

Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) tel 018764011
lorenzosub@lorenzosub.com
contatto whatsapp 3356898949
www.lorenzosub.com

sabato 20 gennaio 2018

GIOVEDI' 25 GENNAIO: PRESENTAZIONE CORSO PESCA IN APNEA FIPSAS

Ciao Apneisti,

con ritrovo ore 20.00 presso il Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) presentazione CORSO PESCA IN APNEA con rilascio di brevtto FIPSAS agonista.



Il corso si svilupperà in:

- 4 lezioni teoriche, durante le quali l'allievo potrà apprendere nozioni specifiche su ETICA del pescatore, SPECIE ITTICHE e AMBIENTE, ATTREZZATURA, SICUREZZA, TECNICHE DI PESCA (agguato, aspetto, tana)
- 2 lezioni in piscina
- 3 uscite in mare

Prerequisito per accedere al corso sarà il possesso di BREVETTO DI APNEISTA rilasciato da una didattica riconosciuta
Si ricorda che al termine del corso, il brevetto conseguito permetterà al pescatore di entrare nel mondo delle competizioni di PESCA IN APNEA.

OPPORTUNITA' per tutti coloro che già possiedono il brevetto di PESCATORE IN APNEA: ripassa e aggiornati con noi, l'accesso al corso è a TITOLO GRATUITO

Il corso sarà tenuto a "4 pinne" dagli istruttori FIPSAS Rino Lorusso e Fabio Tonazzini: due grandissimi appassionati di pesca, profondi conoscitori dei fondali della zona, pronti a mettere a disposizione la loro preparazione ed esperienza!

Per informazioni ulteriori:
- Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) tel 018764011
- lorenzosub@lorenzosub.com
- contatto whatsapp 3356898949

"Lorenzo Sub Fiumaretta...il diving a misura d'apneista!!!"





venerdì 29 dicembre 2017

MARTEDI' 16 GENNAIO: INIZIO CORSO APNEA II LIVELLO

Ciao Amici,

dopo l'assaggio del primo livello del corso freediving SSI, ecco una nuova opportunità per approfondire conoscenze e tecniche di questa meravigliosa attività!

MARTEDI' 16 GENNAIO ore 20.00 inizio corso APNEA SECONDO LIVELLO SSI


''Questo corso ti fornirà l'addestramento e le conoscenze necessarie per immergerti in sicurezza in Freediving con un compagno, in ambiente di acque libere, fino alla profondità di 30 m. Dopo aver completato questo corso riceverai la tua certificazione Level 2 Freediving SSI.''

Approfondiremo le tecniche base, l'apnea statica, e proporremo percorsi di respirazione affidandoci a VERI professionisti del settore!



Per informazioni e iscrizioni:

Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) tel 018764011
contatto whatsapp 3356898949
lorenzosub@lorenzosub.com
www.lorenzosub.com
www.divessi.com

domenica 17 dicembre 2017

ACTION X3: L'ULTIMO NATO CROSSCALL DISPONIBILE AL LORENZO SUB!!!

Ciao Amici,

come già saprete, il Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) è rivenditore ufficiale degli action phone Crosscall !

Già diversi di voi hanno avuto modo di vedere, toccare e acquistare ;-) il top di gamma TREKKER X3 oppure il più piccolo ma non meno performante TREKKER M1 CORE o il galleggiante SHARK X3 ...da oggi la gamma si arricchise dell'ultimo nato, l'ACTION X3!


Venite a trovarci e potrete scegliere il Crosscall che fa al caso vostro...che andiate sulla neve, usciate in mountain bike o siate appassionati di mare...gli action phone Crosscall fanno al caso vostro!

Per tutte le info e acquisti:

Lorenzo Sub SaS
Via del Pilota, 11
19030 - Ameglia loc. Fiumaretta
La Spezia
contatto whatsapp 3356898949
www.lorenzosub.com

venerdì 15 dicembre 2017

RICHIAMO PER PESCI OMERSUB by MARCO BARDI

Ciao Amici,

sfruttando la competenza, l'esperienza di un grande della pesca in apnea come MARCO BARDI, pubblichiamo la sua scheda tecnica su un accessorio indispensabile al pescatore: il richiamo per pesci.

Disponibile nel nostro negozio e nel catalogo on-line dedicato  al pesca sub visibile su www.lorenzosub.com . Buona lettura!!!

CONOSCERE LE PREDE è molto importante per capire la tattica, la tecnica, il momento, il perché del loro comportamento e così via ed è proprio da questo che sono nate molte idee sui richiami per incuriosirle.
Prima di tutto è necessaria una premessa di spiegazioni sui meccanismi che possono incuriosire o impaurire una preda.
I PESCI NON SONO UMANI, inizio da questo perché spesso noi consideriamo i loro comportamenti come se fossimo al loro posto, perchè il pesce non usa il ragionamento come vale per noi, anche se spesso andiamo oltre il realismo.
IL PESCE come quasi tutti gli animali, si comporta per associazione, ovvero reagisce in base a comportamenti, rumori, vibrazioni, che lo circondano. Ha delle capacità che gli consentono di analizzare spostamenti di acqua, vibrazioni, rumori, atteggiamenti e così via. Basti pensare che se un piccolo pesce scappa, tutti gli altri pesci intorno fuggono subito perché associano la fuga di un altro pesce, al pericolo. Un rumore strano e anomalo, rende guardinghi tutti gli animali che lo associano all’ignoto di cui hanno diffidenza. Questo per aprire le porte ad un nuovo ragionamento con basi scientifiche e non frutto di sola fantasia.
Ad esempio, il pesce non ha paura come pensiamo noi. Noi crediamo che ha paura perché pensiamo che sia logico, perché ragioniamo da umani.
Basta guardare con attenzione la vita subacquea per capirlo. A volte un PREDATORE passa in mezzo ai piccoli pesci senza che questi hanno paura. Per noi è inconcepibile perché se immaginiamo un leone seppur non aggressivo, che passa in una piazza con mille persone. Cosa accadrebbe?
RICHIAMI 2Per il pesce, come per quasi tutti gli animali, l’unico termometro della situazione è l’atteggiamento del Predatore, non importa quanto è grosso o di che specie si tratta. Se si muove lento e sereno non è in caccia e le piccole prede lo accettano e lo lasciano passare tra loro, ma basta che aumenta la velocità, oppure si muove a scatti, oppure tende i muscoli, ed ecco che le prede fuggono.
Se mentre facciamo un aspetto, non spariamo al primo pesce di un branco che si presenta a tiro, commettiamo un errore perché quel primo pesce oramai troppo vicino potrebbe insospettirsi e se fugge farà fuggire tutto il branco dietro di lui. (fatto che sarà capitato a molti)
Inoltre sgretoliamo un'altra leggenda, quella del fucile. Non è come pensiamo noi che il fucile lo impaurisce, ma al contrario è solo il nostro atteggiamento, perché se abbiamo in mano il fucile è chiaro che anche senza accorgerci, abbiamo un atteggiamento aggressivo. Se invece non abbiamo il fucile, siamo rilassati e non pensiamo alla cattura, è più probabile che i pesci si avvicinano a pochi decimetri.
Se il fucile spara a 5 mt il pesce resta quasi sempre oltre i 5mt perché è proprio a tale distanza che il nostro atteggiamento cambia, dato che entriamo in modalità “tra poco sparo” emettendo tensioni corporee che lo avvertono, ma noi raramente ce ne rendiamo conto. Il pesce percepisce il cambio di atteggiamento e ritorna alla distanza dove non si sente in pericolo. In tal caso l’unica speranza è creare nuova curiosità e subito dopo limitare le nostre tensioni. Se il fucile spara a 2 mt il pesce si manterrà a circa 3 mt di distanza, come se conoscesse la gittata. Siamo noi che lo avvertiamo! Se invece il pesca sub è bravo a restare rilassato, il pesce viene molto vicino.
Gli esempi più significativi in natura sono:
1.     LA RANA PESCATRICE muove il lungo pennacchio davanti alla testa per incuriosire la preda. (è il movimento che incuriosisce) Lo muove lento mentre se ne sta ferma, calma e mimetizzata. Il piccolo pesce ne resta incuriosito e si avvicina fino a pochi cm dal pennacchio che è a distanza ideale per lo scatto del predatore che lo afferra.
2.     LA CERNIA scura di colore, si nasconde dentro una ampia tana buia dove si mimetizza. Una tana con più aperture (tana di caccia) Poi muove le pinne laterali per incuriosire i piccoli pesci nei dintorni, fino a quando non sono nella sua zona di cattura. Solo allora balza in avanti e li afferra.
3.     IL TONNO si inoltra nel branco di acciughe a velocità lenta quasi senza muovere le pinne, poi quando è nel mezzo al branco scatta con cambi di direzione e riesce a catturare un bel numero di acciughe che non hanno avuto il tempo di fuggire. Non ci arriva mai a velocità supersonica come potrebbe perché le acciughe avrebbero il tempo di fuggire avvertendo il pericolo qualche attimo prima.
TUTTO QUESTO ci insegna che anche noi dovremmo fare come i pesci, ovvero prima di tutto non allarmare la preda. Cercare di essere mimetici e rilassati. Poi incuriosirla il più possibile con i nostri movimenti cauti, infine tentare la cattura solo nel momento giusto perché ogni pesce ha dei tempi e velocità di reazione che non consentono la cattura se non rispettati.
Questa è la spiegazione che ho maturato con l'esperienza, ma se è facile da dire è vero che è alquanto difficile da mettere in pratica proprio a causa del nostro ragionare che crea ansia e fretta.
attract LRIL RICHIAMO A ROTELLINA da portare al dito come un anello, non è la “soluzione magica” ma è un accessorio utile in certi frangenti.
Sarebbe falso dire che risolve i problemi. La verità è che se usato nel modo giusto e nel momento giusto può dare ottimi risultati, ma se usato male può essere anche inutile o peggiorativo.
DI RICHIAMI ce ne sono a bizzeffe e ognuno dice che il suo è il migliore, ma la scienza ci dimostra che il richiamo migliore è il predatore che effettua bene la tecnica. Tutti gli altri metodi si possono definire “AGGIUNTIVI” ovvero utili solo in certe situazioni.
Quando c’è tanto pesce, non c’è bisogno di invenzioni, basta fare bene la tecnica e si prendono molti di più di uno che ha 10 richiami magici, ma che non fa bene la tecnica. Naturalmente chi pesca in posti ricchi di prede può effettuare tante catture anche senza richiami- ma chi pesca in zone deserte può avere anche il “piffero magico” però torna a casa con il cavetto vuoto.
richiami 3ALLORA QUANDO E COME USARE IL RICHIAMO? Ci sono una buona serie di situazioni in cui può tornare valido. La più frequente è quando c’è un pesce che si avvicina, ma poi decide di andarsene. A quel punto tutto è perduto a meno che non si provi un “richiamo aggiuntivo” qualcosa che lo possa di nuovo incuriosire. A mio avviso il migliore è quello naturale, ovvero spostarsi di nuovo verso il pesce o verso un vicino e nuovo appostamento, di uno o due metri con uno spostamento rasente al fondo a velocità minima, cercando di mantenere una copertura, di non alzare le pinne e di non emettere vibrazioni negative. Spesso però il fondale non lo consente perché è scoperto - ed ecco che entra in gioco il richiamo misto tra rumore e movimento. Muovendo la rotellina, il pesce percepisce un minimo movimento delle dita, in abbinamento ad un rumore che potrebbe somigliare ad un pesce che tritura mitili, ricci o altro che sono fonti di cibo. Ecco allora che potrebbe incuriosirsi e decidere di avvicinarsi di nuovo, associando il tutto al cibo. Se questo o altri richiami li facciamo mentre il pesce è già in avvicinamento, si rischia solo di farlo fuggire definitivamente. Pertanto va calcolato bene il tutto e imparato e gestirlo perché nessun richiamo darà sempre e solo 1 risultato positivo. Dipende tutto da noi da come e quando lo utilizzeremo. Certo che tra usarlo e non usarlo è meglio provarci, ma sarà ancora più efficace se siamo in grado di abbinarci una buona tecnica.
Il RICHIAMO nel dito della mano che non impugna il fucile consente senza ingombro e senza limiti di azione di essere usato quando serve. Non crea problemi di caricamento del fucile o di azione sul fondale.
Nel video qui sotto, si potrà notare la cattura di un bel dentice che avevo visto lontano e indeciso dopo che mi ero appostato. Poi appurato che non ne voleva sapere e dato che davati all’appostamento il fondale era totalmente libero, l’unica risorsa che mi restava era il “richiamo aggiuntivo” che infatti ha funzionato.



 Per informazioni ed acquisti:

Lorenzo Sub Fiumaretta (La Spezia) tel 018764011
contatto whatsapp 3356898949
lorenzosub@lorenzosub.com
www.lorenzosub.com

"Lorenzo Sub Fiumaretta...il diving a misura di apneista!!!"